Una scatola di latta ci riporta alla Torino del 1920

Una vecchia scatola di latta emersa dalla polvere del granaio di Casa Vallona ci riporta agli inizi del 900!


“A Torino, all’inizio del XX secolo, Walter Marchisio fondò la sua azienda, che sfornava ogni giorno biscotti, wafer, gallette, frollini e delizie varie. Subito dopo la Prima Guerra Mondiale ci fu un ampliamento delle attività, con l’occupazione dell’intero isolato, e in età fascista l’azienda Wamar divenne un vero e proprio modello anche sociale, con sale per la mensa, per l’allattamento, per il primo soccorso in caso di infortuni. Il grande successo della Wamar arrivò negli anni 60: la produzione iniziò a essere su scala industriale e uno dei suoi prodotti, il Biscotto Salute, acquistò rapida fama; nel suo catalogo anche panettoni e colombe, oltre alle produzioni che le avevano dato notorietà. 

Poi, negli anni ’80, iniziò il declino: si tentò di spostare la produzione in Campania, ma senza successo; all’inizio degli anni ’90 ci fu la chiusura definitiva. Oggi l’edificio ospita attività commerciali ed è testimone, insieme a molti di quest’area, della Torino industriale; a pochi passi ci sono il Lingottino, miracolosamente in piedi, dopo le demolizioni che hanno distrutto le belle fabbriche del suo isolato, iDocks Dora, il Museo Ettore Fico, che sorge in un ex edificio industriale: la dimostrazione di come gli antichi capannoni un tempo animati di operai, possano ritrovare nuova vita e ricordarci chi siamo stati.

Su youtube c’è un video muto dell’Istituto Luce, che illustra l’attività della Wamar. Sono poco più di 3 minuti preziosi, in cui si vedono lo stabilimento, l’impastatrice, i biscotti che escono dalle macchine, la loro impacchettatura; sono volti e strumenti del passato, della nostra città, per questo più emozionanti.”

Link a YouTube

È grazie al ritrovamento di questi oggetti che viaggiamo nel tempo e nello spazio rimanendo in questo angolo di mondo incantato!

Vi aspettiamo dal 23 aprile 2019 per l’apertura della stagione.

A presto

Chiara

Parte storica tratta dal sito: rottasutorino.blogspot.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...